Passione In Viaggio

Viaggiare apre la mente…

Da Visitare, I Borghi più belli, Imperia

Valloria il Paese delle porte dipinte

Valloria il Paese delle porte dipinte

Valloria il Paese delle porte dipinte


Valloria Paese delle porte dipinte
Benvenuti nel Paese delle porte dipinte

E’ il 31 marzo 2019, io e Daniella decidiamo di andare a visitare un piccolo paesino dell’entroterra Ligure di cui abbiamo sentito tanto parlare per una particolare caratteristica che lo rende unico. Le porte delle case sono state dipinte da artisti di fama internazionale. Valloria è un piccolo borgo antico a 15 Km da Imperia frazione del comune di Prelà nel cuore della Val Prino. Qui gli amanti dell’arte potranno scoprire 158 porte dipinte.

Arrivati sul posto la prima impressione che questo borgo ci trasmette è quella di un paese poco abitato in uno stato di abbandono. Dovete sapere che Valloria, derivato dal latino Vallis Aurea, cioè valle dell’oro, prende il suo nome dal colore oro dell’olio che fino a pochi decenni fa è stato la ricchezza primaria di questo paese. In seguito ad una crisi del settore intorno agli anni ’60 questo borgo iniziò a spopolarsi. Fortunatamente dopo la fine degli anni ’80 un gruppo di Valloriesi sentirono il bisogno di fare rivivere il paese attuando iniziative di riqualificazione. Così nel 1991 con un brindisi fra amici nasce l’Associazione “Le Tre Fontane“, chiamata così per via delle tre fontane presenti nella piazza del paese.

Le tre fontane di Valloria
Le tre fontane di Valloria

Iniziamo la nostra visita dalla piazza del paese “Piazza Mario Bottino – Promotore della rinascita del borgo“, dove incontriamo i primi dipinti sulle porte.

Porta dipinta "Valloria"
Porta dipinta “Valloria”

Da qui si posso scegliere due percorsi. Il primo che inizia dalla salita dietro le tre fontane ci porta alla Chiesa di San Giuseppe in un punto che ci offre una vista panoramica. Il secondo ci porta alla scoperta del paese.

Valloria - Salita sopra le tre fontane
Salita sopra le tre fontane
Valloria - Salita direzione Chiesa di San Giuseppe
Salita direzione Chiesa di San Giuseppe
Valloria - Salita direzione Chiesa di San Giuseppe
Salita direzione Chiesa di San Giuseppe

Per gli amanti del trekking seguendo questo percorso si può raggiungere il monte Moro e il monte Faudo. Noi decidiamo di fermaci qui per proseguire alla ricerca delle porte dipinte.

Valloria - Punto panoramico
Punto panoramico

Tornati nella piazza principale troviamo il Museo delle “Cose dimenticate”. Qui si trovano esposti i reperti antichi della vita quotidiana degli abitanti del posto: attrezzi dei contadini, degli artigiani, per la produzione dell’olio e antichi tessuti.

Valloria - Museo delle "Cose dimenticate"
Museo delle “Cose dimenticate”

A questo punto seguiamo il “percorso consigliato” che ci viene segnalato da piccoli cartelli situati nei vari carruggi. Noi suggeriamo di seguire la segnaletica perché è facile confondersi e ritrovarsi più volte nello stesso posto come in una sorta di antico labirinto.

Valloria - Percorso consigliato
Percorso consigliato

Camminando incontriamo numerose porte una più bella dell’altra, sembra di stare ad una mostra d’arte a cielo aperto.

"Frantoio" - Una delle tante porte di Valloria
“Frantoio” – Una delle tante porte di Valloria

Il percorso è caratterizzato da carruggi con bellissime arcate in pietra e tante scalinate.

Tipico carruggio di Valloria
Tipico carruggio di Valloria
Tipico carruggio di Valloria con arcata in pietra
Tipico carruggio di Valloria con arcata in pietra
Valloria - Carruggio con atmosfera spettrale
Carruggio con atmosfera spettrale

Tra una scalinata e l’altra proseguiamo la nostra visita, il silenzio ci avvolge lasciandoci vivere un’atmosfera spettrale. Ogni tanto incontriamo qualche turista che come noi è alla ricerca dei dipinti per fargli qualche foto e catturare i momenti più belli della giornata. In questo periodo il paese non è molto visitato ma nel periodo estivo questo borgo è preso d’assalto soprattutto da turisti stranieri.

Una delle tante scalinate di Valloria
Una delle tante scalinate di Valloria

Camminando per il paese si avverte un senso di pace e tranquillità e nell’aria si respira un’odore di muschio.

Valloria - Camminando per il paese
Camminando per il paese…

Nel giro di ritorno troviamo ancora qualche porta dipinta.

Valloria - Nel ricordo di zia Elvira e...
Nel ricordo di zia Elvira e…

Ci risulta che i dipinti sulle porte sono 158 ma purtroppo noi siamo riusciti a trovarne solo 138. Probabilmente ci siamo persi qualche carruggio! Ritorniamo in piazza dove ci concediamo una pausa caffè nel Bar-Ristorante “Antiche Bontà di Valloria” dove è possibile gustare anche piatti tipici del posto. Ricordiamo inoltre che d’estate in questo paese c’è una festa che è ormai diventata lo slogan del posto: “A Valloria fai baldoria!”, con piatti tipici e musica dal vivo.

Arcata dipinta “Scorci di Borgo Foce”

Allora cosa aspettate a visitare questo bellissimo borgo antico, Valloria vi aspetta con le sue porte dipinte!

Guarda la galleria fotografica delle Porte dipinte di Valloria.

Per ulteriori informazioni su Valloria suggeriamo di visitare il sito Internet ufficiale www.valloria.it dove potete trovare altre curiosità.


Indicazioni stradali:

IN TRENO: si scende alla stazione di Imperia, da qui si può prendere il bus per Valloria (due corse giornaliere, per informazioni: Riviera Trasporti, 0183 7001).

IN AUTO: autostrada GE-VENTIMIGLIA (A10) uscita Imperia ovest al casello seguire le indicazioni “Valloria il paese delle porte dipinte”.


Dove dormire:

Booking.com

Dove mangiare:


I commenti sono chiusi

Tema di Anders Norén